Skip to main content
nethserver 7

Nethserver la distribuzione Linux server per tutti

Pochi giorni fa è stata rilasciata la versione finale di Nethserver 7, la distribuzione Linux server italiana basata su CentOS 7.3 con una lunga serie di novità tecniche. Per chi non la conoscesse, Nethserver è una distro server web managed, che fa della semplicità di utilizzo uno dei suoi maggiori punti di forza senza perdere quelle che sono le caratteristiche peculiari di Linux. Con pochi click è possibile installare e configurare servizi che altrimenti richiederebbero tutt’altro tempo per farlo.

Gli ultimi anni hanno visto una crescita esponenziale di server Linux nelle aziende, installati in locale o su VPS in cloud dove rappresentano la fetta di mercato più grossa su tutte le principali piattaforme: Amazon AWS, Microsoft Azure, IBM Softlayer, Google Cloud Platform, etc.

Viene utilizzato per offrire servizi di ogni tipo: web server, mail server, server per ERP, domain controller, file server, storage in cloud e molto altro. E’ spesso preferito a Windows Server per efficienza, sicurezza, stabilità, scalabilità e, perchè no, economicità.

Esistono moltissime distribuzioni Linux server tra cui le famose Red Hat, CestOS, Debian, Ubuntu e SUSE che solitamente sono gestite a riga di comando, potente ed efficiente come nient’altro ma decisamente poco user-friendly. Esistono poi alcune distribuzioni gestibili anche da interfaccia web. Tra queste c’è Nethserver OS che, come scritto sopra, è  basata su CentOS. E’ 100% open source ed è italiana, viene infatti sviluppata da un’azienda di Pesaro, la Nethesis srl, che, come cita sul sito, affonda le radici nell’open source a dimostrazione che ormai l’open source è diventato un modello di business anche in Italia (nel resto del mondo lo è già da tempo).

Come già scritto, Nethserver permette di arrivare a risultati importanti molto velocemente con una curva di apprendimento decisamente rapida.

nethserver 7 dashboard

L’ho conosciuta al BgLUG (Bergamo Linux Users Group), l’associazione di cui faccio parte, perchè la stiamo utilizzando sui server dei laboratori di informatica delle scuole che migriamo a Linux con il progetto Linux va a scuola. La utilizziamo come Domain Controller con Roaming Profiles ma anche per altri servizi come DHCP, DNS, file server, backup, proxy, anti-virus, filtro contenuti ed altro.

L’abbiamo scelta perchè ci serviva una distribuzione che desse tutti i vantaggi di un server Linux ma, allo stesso tempo, fosse semplice da gestire dai docenti che manutengono i laboratori delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

Nethserver non solo ha soddisfatto in pieno le nostre aspettative ma le ha abbondantemente superate, ha stupito tutti per semplicità, efficienza, stabilità e qualità.

Prima di Nethserver avevamo valutato anche Zentyal, che però non aveva tutto ciò che ci serviva, ed UCS (Univention Corporate Server) che non andava bene per i limiti tecnici e dalla licenza con cui viene distribuita.

Un’altra caratteristica molto importante che ce l’ha fatta apprezzare è la sua community. Una community decisamente attiva e partecipata anche dagli sviluppatori che intervengono spesso direttamente nei vari thread. Un vero punto di forza di questa distro!

Con Nethserver, installare applicazioni e configurare nuovi servizi è semplice ed intuitivo. Si spunta quello che serve dal Software Center, si installa e si configura tutto da interfaccia web.

Nethserver Software Center

Di seguito alcuni esempi di applicazioni e/o servizi che si possono installare:

Nextcloud: è un’applicazione che permette di creare un proprio cloud alternativo ai vari Dropbox, GDrive, etc, sia su un server locale che su un VPS esterno. E’ un fork di Owncloud ma sta crescendo molto velocemente e, oltre al classico servizio di storage in cloud con versioning e un-delete, offre moltissime altre funzionalità legate ad Apps aggiuntive per gestire Calendari, Contatti, Chat, server federati, integrazione con LDAP e Active Directory, supporto per storage esterni e molto altro.

Mail server e Groupware: installando la parte di Mail server vengono automaticamente installati e configurati postfix come server SMTP, dovecot per IMAP e POP3 e amavis come scanner antivirus e antispam. Opzionalmente è  possibile installare Roundcube come webmail. Chi invece preferisse optare per una soluzione groupware è possibile installare con un click l’applicazione SOGo che aggiunge molte funzionalità tra cui la gestione di rubriche e calendari condivisi, integrazione di calendari esterni (ad esempio quelli di Google Calendar), funzionalità di risposta automatica gestita dall’utente (out-of-office), etc.

Let’s Encrypt: gestione semplicissima delle richieste di certificati SSL su Let’s Encrypt con rinnovo automatico.

FTP server: tramite vsftp.

Web server: tramite apache con la possibilità di configurare in modo semplice più virtual hosts.

Domain controller: con autenticazione tramite LDAP o Active Directory. In Nethserver 7 viene utilizzato samba 4 che supporta le group policies.

File server e Print Server: tramite samba e CUPS.

Firewall e vari servizi di sicurezza e di monitoring come Deep Packet Inspection (DPI), Intrusion Prevention System (IPS) con Suricata, monitor di banda, etc.

VPN server tramite OpenVPN o IPsec.

Fax Server con Hylafax.

Instant messaging server con XMPP (ex Jabber).

Proxy e web filtering.

UPS server per gestire i propri UPS.

Virtual machine manager per gestire via web le proprie VM su KVM.

Cosa si vuole di più?

E’ tradotta in numerose lingue tra cui italiano, francese, tedesco, russo, greco, serbo ed ungherese.

Ovviamente, chi, soprattutto in ambito aziendale, volesse avere un servizio di assistenza garantito, può rivolgersi a Nethesis srl o ad uno dei suoi partner certificati.

Quindi cosa aspettate? Installare e provare Nethserver è semplicissimo, potete farlo scaricando l’ISO direttamente dal loro sito oppure installando CentOS e poi installando Nethserver con le semplici istruzioni fornite nella loro documentazione.

 

 

 

(Letto 1.382 volte di cui 66 negli ultimi 30gg)

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

twittergoogle_pluslinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code