Skip to main content

Linux va a scuola a Bergamo

Da circa un anno, il BgLUG (Bergamo Linux Users Group), di cui faccio parte, sta portando avanti un progetto per avvicinare la scuola a Linux e all’opensource.

Il progetto si chiama Linux va a scuola e aiuta le scuole che intendono migrare i loro laboratori di informatica a Linux ed al software libero.

A quali scuole si rivolge? A tutte, dalla scuola per l’infanzia alla scuola secondaria, indipendentemente che abbiano personale IT interno o meno.

I vantaggi derivanti dall’adozione di questo progetto da parte delle scuole (e delle famiglie) sono notevoli e ben descritti nella pagina dedicata sul sito del BgLUG; vanno dalla qualità del parco software alla sicurezza, dagli aggiornamenti costanti e gratuiti alla libertà di utilizzo, dal notevole risparmio economico al rispetto delle leggi in materia di adozioni di software nella Pubblica Ammministrazione.

Da notare che tutto il lavoro svolto dai volontari del BgLUG è gratuito (anche se una donazione non si rifiuta mai 😉 ).

La soluzione proposta con il progetto Linux va a scuola si divide essenzialmente in due parti ben descritte nella pagina del progetto sul sito del BgLUG:

Approfondisci

twittergoogle_pluslinkedinmailby feather

Chi utilizza Linux e software OpenSource?

Molte persone, ancora oggi, pensano che Linux e le altre soluzioni opensource siano un po’ di nicchia, per smanettoni o comunque non adatti al vasto pubblico, ma non è assolutamente così.

A dimostrarlo ci sono i numerosi governi, comuni, pubbliche amministrazioni o grosse organizzazioni private che hanno deciso di adottare questo tipo di soluzioni per l’elevata qualità, sicurezza, scalabilità e, spesso, con un notevole risparmio in termini di costi.

Oltre a questo, sempre più spesso, conosco persone di qualunque età che iniziano ad utilizzare Linux anche a casa per la stabilità e sicurezza che offre loro.

Approfondisci

twittergoogle_pluslinkedinmailby feather

I migliori Cloud Storage per Linux (e non solo)

Pochi mesi fa Canonical ha deciso di chiudere il loro servizio di cloud storage Ubuntu One. Dispiace ma, ad essere sincero, non è un grosso problema. Canonical fa bene a focalizzare i suoi sforzi verso altri obbiettivi e le alternative non mancano di certo.

In quest’articolo voglio elencare alcuni servizi di Cloud Storage per Linux indicando anche caratteristiche che non sempre vengono sottolineate in altri articoli simili.

ATTENZIONE: mi piacerebbe che quest’articolo restasse un work in progress da aggiornare continuamente con nuove informazioni e nuovi servizi ANCHE grazie al vostro contributo. Quindi, se pensate che qualche informazione tecnica sia sbagliata o abbia tralasciato qualche servizio interessante, non esitate a segnalarlo nei commenti. Unici pre-requisiti: deve offrire un account gratuito e deve avere il client per Linux.

Ovviamente, oltre che per Linux questi servizi sono validi anche per Windows e Mac OSx.

Approfondisci

twittergoogle_pluslinkedinmailby feather