IBM iSeries Access for Linux

Chi come me usa Linux ma si connette frequentemente a qualche buon vecchio AS/400 ha la necessità di disporre di un valido client 5250 per Linux.

Tra questi, uno dei migliori è senz’altro IBM iSeries Access for Linux.

Per quanto riguarda Ubuntu e Debian si possono scaricare i pacchetti DEB (32 o 64 bit) a questo indirizzo.

Lo si installa con GDebi facendo doppio click sul file appena scaricato. Personalmente l’ho provato sotto Ubuntu 10.04 e 10.10 senza problemi.

Una volta installato bisogna configurare le sessioni di collegamento avviando il programma per gestire le impostazioni 5250 da Applicazioni → Internet → IBM iSeries Access.

iSeries Access for Linux

Scegliere Connessione → Nuovo per creare una nuova sessione 5250 e fornire la descrizione della sessione e l’indirizzo dell’AS/400.

iSeries Access for Linux - Impostazioni 5250

Le informazioni per il collegamento sarebbero già sufficienti però è possibile anche definire altri parametri per una configurazione più avanzata cliccando sul pulsante Connessione 5250 avanzata.

iSeries Access for Linux - Impostazioni avanzate 5250

Ad esempio si può definire il nome fisso della sessione (Nome visualizzazione) che identifica il nome del terminale, oppure inserire le credenziali (utente e password) per connettersi all’AS/400.

Confermare le scelte e fare doppio click sulla sessione appena creata per aprire una sessione 5250 con l’AS/400.

Possibili problemi

In alcuni casi è possibile ricevere l’errore CWB0999 in fase di collegamento.

E’ dovuto alla mancanza di alcune PTF su AS/400 senza le quali iSeries Access tenta di utilizzare l’IPv6 invece del normale Ipv4.

Per ovviare a questo problema o si installano le PTF necessarie oppure si modifica temporaneamente il file /etc/hosts nel seguente modo:

  • identificare e commentare la riga ::1 localhost ip6-localhost ip6-loopback anteponendo il carattere cancelletto (#)
  • salvare le modifiche
  • riavviare la sessione 5250
  • una volta avviata correttamente la sessione sarà possibile ripristinare la vecchia istruzione del file hosts eliminando il cancelletto.

 

(Letto 1.309 volte di cui 16 negli ultimi 30gg)
twitterlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code