Skip to main content
lucchetto

Criptare cartelle in Ubuntu con Cryptkeeper

lucchettoPer criptare cartelle in Ubuntu ci sono vari strumenti. Tra questi uno è Cryptkeeper. Può essere molto utile in molte situazioni, personalmente lo utilizzo per criptare cartelle in Dropbox. So che in Dropbox sono già criptate ma … fidarsi è bene e … 😉 Lo si installa direttamente dall’Ubuntu Software Center. Dopo averlo installato, avviando Cryptkeeper appare un icona nella tray icon bar di Unity. Se non appare significa che l’applicazione va aggiunta alla white-list della tray icon bar. Per farlo digitare il seguente comando dal terminale:

gsettings get com.canonical.Unity.Panel systray-whitelist

verranno mostrate le applicazioni che possono mostrare la propria icona nella systray, ad esempio:

['JavaEmbeddedFrame', 'Wine', 'Update-notifier', 'Skype']

A questo punto bisogna aggiungere cryptkeeper a questa lista usando l’opzione set del comando gsettings:

gsettings set com.canonical.Unity.Panel systray-whitelist "[]"

dove la è la copia della lista mostrata dal comando precedente con l’aggiunta della nuova applicazione. Ad esempio:

gsettings set com.canonical.Unity.Panel systray-whitelist "['JavaEmbeddedFrame', 'Wine', 'Update-notifier', 'Skype', 'cryptkeeper']"

A questo punto, avviando cryptkeeper, apparirà la sua icona con l’immagine di due CHIAVI nella tray-bar: icona di cryptkeeperA questo punto cliccare sull’icona e scegliere Nuova cartella crittografata cryptkeeper - cartella da criptare in questa schermata viene chiesto il nome della cartella criptata da creare. Alla conferma viene chiesta la password per cifrarne il contenuto. Infine viene montata la cartella cifrata dove ci si può archiviare ciò che si vuole. Per smontare la cartella è sufficiente cliccare sull’icona di cryptkeeper e quindi togliere la spunta dalla definizione della cartella. Per montarla nuovamente la si seleziona sempre dall’icona di cryptkeeper e fornendo ovviamente la password. ATTENZIONE: Cryptkeeper utilizza encfs e fuse per criptare le cartelle e montarle. Questo significa che, se per qualche motivo avete a disposizione la cartella criptata ma non avete installato cryptkeeper potete sempre decriptarla utilizzando i pacchetti sopra indicati. Esempio: se la cartella che avevate criptato si chiamava MieiSegreti significa avrete che avrete una cartella nascosta chiamata .MieiSegreti_encfs (occhio al “punto” iniziale). A questo, se non lo avete, installate il pacchetto fuse-utils con il comando:

sudo apt-get install fuse-utils

ipotizzando che la cartella criptata sia nella vostra home directory, decriptate la cartella e montatela con il seguente comando:

encfs /home/tuo_utente/.MieiSegreti_encfs /home/tuo_utente/MieiSegreti

fate bene attenzione che encfs vuole il percorso assoluto sia della cartella da decriptare che del punto di mount dove viene montata la cartella (in questo caso /home/tuo_utente/MieiSegreti) Per smontare nuovamente la cartella è sufficiente eseguire il comando

fusermount -u /home/tuo_utente/MieiSegreti

ed il gioco è fatto. Di seguito un breve video dimostra:

(Letto 2.492 volte di cui 20 negli ultimi 30gg)
twittergoogle_pluslinkedinmailby feather

3 thoughts to “Criptare cartelle in Ubuntu con Cryptkeeper”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code