Documenti sulla nuvola: Dropbox

Mai sentito parlare del cloud computing? In poche parole si tratta di tecnologie che ti permettono di utilizzare risorse hardware remote ad esempio per salvare e gestire i propri documenti (o file).

Perchè dovrei mettere i miei files in internet quando ho tantissimo spazio sul mio disco? I motivi sono tantissimi, eccone qualcuno:

  • ho più PC e/o smartphone e impazzisco a mantenere sincronizzate le varie versioni degli stessi documenti
  • ho la necessità di avere alcuni files sempre a disposizione ovunque sia (a patto di avere una connessione ad internet)
  • mi dimentico spesso di fare i backup dei miei documenti (FREQUENTISSIMO !!!).
  • voglio tutelarmi da guasti del PC o perdite di dati (pensate a quando si guasta il PC o lo dovete sostituire. Sul nuovo PC basta ricollegarsi alla “nuvola” e immediatamente riavrete a disposizione i vostri documenti)

In questo caso la “nuvola” di cui voglio parlare si chiama Dropbox.

E’ un servizio che ti fornisce uno spazio dove archiviare i tuoi files. Ce ne sono molti altri (ZumoDrive, Ubuntu One, SpiderOak …) ma ho scelto questo per i seguenti motivi:

  • semplice da utilizzare
  • rapido nella sincronizzazione dei dati tra i vari PC
  • estremamente portabile su più piattaforme (Windows, Linux, Mac, Android, iPhone, iPad, …)

La registrazione gratuita ti mette a disposizione ben 2 GB. Se dovessero servirtene di più basta pagare 🙂

Dropbox crea una cartella con lo stesso nome nella quale ci si può mettere quello che si vuole. Da quel momento i file vengono sincronizzati automaticamente con i suoi server in questo modo resta una copia in locale (quindi è possibile utilizzarla anche off-line) ed una copia sul server di Dropbox.

Se mi collego con un altro PC o con uno smartphone avrò a disposizione gli stessi file. Modificandone o cancellandone qualcuno automaticamente verrà sincronizzato anche sugli altri dispositivi configurati appena si collegano.

Come ho già accennato Dropbox garantisce una vasta portabilità su piattaforme diverse, infatti mette a disposizione client per Linux, Mac, Windows e persino per numerosi smartphone: iPhone e Android.

Utilizzarlo è semplicissimo:

  • ci si registra sul sito
  • si scarica il client adatto alla propria piattaforma
  • si procede con l’installazione seguendo le semplici indicazioni richieste

Come già indicato, dopo l’installazione viene creata la cartella Dropbox (sul mio Ubuntu Linux viene creata di default nella home directory ma è possibile indicare un percorso diverso). In essa vengono automaticamente create le cartelle “Photos” (per creare gallerie fotografiche) e la cartella “Public” dove eventualmente inserire files che si vuole condividere con altri (cliccando col tasto destro su un file presente in questa cartella, si sceglie la voce “Copy public link” dal menu “Dropbox”, quindi si comunica il link alla persona che deve poter scaricare quel file).

Ovviamente i 2 GB gratuiti non sono pensati per salvare la raccolta dei video delle vacanze o comunque files giganteschi ma per chi ha la necessità di salvare ed avere a disposizione sempre dei documenti importanti questo è un servizio veramente comodo.

Oltre a tutto questo, Dropbox ha anche altre interessanti caratteristiche che possono essere molto utili:

  • i file cancellati dalla cartella locale del proprio pc vengono immediatamente cancellati anche sui server di Dropbox ma NON in via definitiva. In effetti la cancellazione effettiva avviene solo dopo 30 giorni. Questo è molto comodo quando la cancellazione è avvenuta per errore perchè rende possibile recuperare il file.
  • è possibile condividere una o più cartelle con altri utenti iscritti a Dropbox. E’ molto utile se si ha la necessità di condividere file con uno o più amici o colleghi.
  • è possibile aumentare lo spazio gratuito a disposizione invitando altre persone ad utilizzare questo servizio. Se si iscrivono a seguito del vostro invito “guadagnate” altri 250 MB di spazio fino ad un massimo di 8 GB
(Letto 932 volte di cui 1 negli ultimi 30gg)
twitterlinkedinmailby feather

5 thoughts on “Documenti sulla nuvola: Dropbox

  1. Ho scaricato dropbox ed effettivamente è oltre che utile anche molto veloce nel caricare ed aggiornare i file.
    Al primo utilizzo sono rimasto un po’ perplesso perchè dropbox non mi caricava un file, dopo parecchi tentativi mi sono accorto che dropbox non carica i file il cui nome comprende la barra retroversa “\”
    Tolta la barra dropbox ha caricato il file senza alcun problema

    1. non devi fare assolutamente niente. Pensa lui a sincronizzare il contenuto della cartella “Dropbox” presente sul tuo PC con i server di Dropbox.
      Noterai che i file sincronizzati della cartella sul PC hanno un piccolo segno di spunta verde.
      Se poi vuoi installare Dropbox anche su un altro PC o su uno smartphone ti basta fornirgli le stesse credenziali e automaticamente si scarica tutto ciò che è presente sui server.

      Se non sono stato chiaro fammelo sapere

      ciao

  2. Dropbox è utilissimo… ma ho notato che mi fa condividere solo documenti.. ho provato a mandare un file da 400MB e non lo carica….anche se ho tutte le cartelle vuote.. come mai?

    1. uso Dropbox per documenti che raggiungono al massimo poche decine di MB.
      In ogni caso la risposta la trovi direttamente nell’help del sito di Dropbox: https://www.dropbox.com/help/5/en
      In pratica dice che non hai limiti di dimensione dei file se li carichi direttamente nella tua cartella Dropbox con il tuo file manager del PC.
      Invece se li vuoi caricare via web tramite la funzione Upload il limite è di 300 MB.

      spero di esserti stato d’aiuto

      ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code